European Conference on Digital Psychology – approfondimenti

SFU Milano, nell’ambito dell’organizzazione della prima Conferenza Europea sulla Psicologia Digitale, propone una raccolta di articoli e approfondimenti sui temi che verranno indagati nella due giorni di febbraio 2021.



I serious games e le loro applicazioni. Dagli esergame ai games basati sul biofeedback – Lo psicologo del futuro

Un articolo volto ad illustrare le tipologie di serious games presenti in commercio ed i loro scopi psicologici e/o pedagogici.

del 15 gennaio 2021 – rubrica Lo Psicologo del futuro, n.7


SPARX, un serious games per gli adolescenti che soffrono di depressione – Lo psicologo del futuro

I ricercatori dell’Università di Auckland hanno sviluppato un serious games per la depressione dedicato alla cura degli adolescenti.

del 23 dicembre 2020 – rubrica Lo Psicologo del futuro, n.6


Psicologia digitale, nuove frontiere per la professione

La Psicologia Digitale o la Cyberpsicologia è una disciplina che studia il modo in cui gli sviluppi tecnologici comportano variazioni sociali, psicologiche e mentali. Si ritiene che al giorno d’oggi sia necessario che gli psicologi conoscano le nuove tecnologie ed i loro effetti per poter intercettare le nuove forme di disagio psicologico e per trattare il disagio stesso con strumenti particolarmente efficaci. 

del 26 ottobre 2020 – SFU Milano e rubrica Lo Psicologo del futuro, n.5


Serious game. Intervista ad Axel Fox, la sviluppatrice di Freud’s Bones. Il gioco che aiuta ad empatizzare e comprendere l’altro, in un percorso di crescita personale – Lo psicologo del futuro

Il titolo psicologico più atteso dell’anno: Freud’s Bones, il serious game dedicato a Sigmund Freud e al mondo della psicologia.La sviluppatrice Axel Fox, grazie alla sua formazione poliedrica, ci regala un games che aiuta ad empatizzare e comprendere l’altro.

del 22 ottobre 2020 – rubrica Lo Psicologo del futuro, n.4


Luca Bernardelli, CEO di BECOME, “Research and Psychology Hub”, la start-up della realtà aumentata e virtuale nel campo psicologico

La diffusione del covid-19 ha portato le persone a stare sempre più in casa, sole nella gestione delle proprie sofferenze psicologiche. Da questo scenario emerge l’esisgenza di un’opzione di semplice utilizzo, accessibile anche in termini economici, il cui scopo è quello di arginare il disagio psicologico insorgente, come la realtà virtuale.

dell’15 ottobre 2020 – rubrica Lo Psicologo del futuro, n.3


Gli studi del professore Lorenzo Desideri sui robot e l’interazione robot-bambino – Lo psicologo del futuro

L’interazione umani-robot è oggetto di molti dei più recenti studi nel campo della robotica. A questo proposito il professore Lorenzo Desideri ha indagato l’influenza dell’interazione robot-bambino sullo sguardo avversivo che i bambini assumono impegnandosi nella risoluzione di complessi dilemmi, individuando nell’intenzionalità situazionale una variabile determinante.

dell’8 ottobre 2020 – rubrica Lo Psicologo del futuro, n.2


Lo psicologo “Google” e l’e-therapy

La ricerca digitalizzata dei propri sintomi è un fenomeno che vede sempre più persone autodiagnosticarsi disagi psicologici e psichici. L’e-therapy è lo strumento più adeguato per rispondere professionalmente ai bisogni di coloro che ricercano risposte e servizi nel mondo digitale. 

del 1 ottobre 2020 – rubrica Lo Psicologo del futuro, n.1


gameChange – Un progetto su psicosi e l’uso delle nuove tecnologie da parte del professor Daniel Freeman

gameChange VR, il progetto di realtà virtuale firmato Oxford VR dedicato a pazienti con psicosi, per gestire meglio l’ansia e l’evitamento.

del 30 aprile 2020


Daniel Freeman e l’Oxford VR – gameChange: un nuovo progetto sull’uso delle nuove tecnologie

Il Therapeutic Realistic Immersive Virtual Environments (THRIVE) è il primo dei progetti gameChange e si propone di fornire ai pazienti con psicosi dei coach virtuali in grado di seguirli nelle situazioni disturbanti, aiutandoli a superare le proprie paure.

del 26 marzo 2020


Daniel Freeman e l’Oxford VR. Un impegno virtuale per la salute mentale del Regno Unito

Oxford VR è una società inglese, coordinata dal professor Daniel Freeman. La mission di Oxford VR è quella di strutturare trattamenti psicologici evidence-based in realtà virtuale per rendere i servizi accessibili a tutti.

del 27 febbraio 2020


Paura delle altezze? I vantaggi della realtà virtuale in uno studio di Daniel Freeman, Professore dell’Università di Oxford

Daniel Freeman, Keynote Speaker della Conferenza, ha co-fondato l’Oxford VR, un’azienda spin-off della University of Oxford, che studia e utilizza tecnologie immersive automatizzate a scopo terapeutico. Uno studio mostra l’efficacia della terapia con realtà virtuale come strumento per superare la paura delle altezze, guidati da un coach avatar.

del 30 gennaio 2020



Fonti: State of Mind, Blog SFU Milano